closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Viola, Wilson Vezzoli, schermi sacri schermi profani

Mostre. Tre mostre molto diverse tra loro allestite a Firenze, Pavia e Milano, restituiscono un dialogo tra pittura e video, arte e televisione, immaginario pop e iconografia sacra

Bill Viola

Bill Viola

FIRENZE, MON AMOUR Bill Viola. Rinascimento elettronico Bill Viola ritorna a Firenze 40 anni dopo: ci aveva vissuto tra il 1974 e il 1975 realizzando in veste di operatore decine di video per Art/Tapes/22, uno dei primi atelier sorti in Italia in una fase ancora pionieristica della sperimentazione. In quel periodo, girando per la penisola l’artista americano si era nutrito di arte italiana, studiando i capolavori dal ’300 al ’600, fonte di ispirazione per lavori monocanale e installazioni, soprattutto a partire dal 1995, quando nel padiglione U.S.A. della Biennale di Venezia presentò The Greeting, esplicito omaggio alla Visitazione del Pontormo....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.