closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Vinterberg, adesso per fare «Festen» c’è bisogno di un piccolo aiuto (alcolico)

Al cinema. Arriva nelle sale «Un altro giro», oscar al miglior film internazionale

Uno psicologo norvegese, Finn Skårderud, ha espresso una teoria secondo la quale l'uomo nasce con una carenza di alcol di 0,5 nel sangue. Quindi secondo questa teoria una piccola ebbrezza è in grado aprire le nostre menti a tutto quello che ci circonda, diminuendo la percezione dei problemi e aumentando la nostra creatività. Partendo da qui Thomas Vinterberg ha scelto le sue cavie da esperimento: quattro insegnanti di liceo danesi che, con il pretesto scientifico di dimostrare le tesi suddette, cominciano a bere alcol. Naturalmente bisogna rispettare rigorosamente le regole: mai bere la sera, mai nel week end e mantenersi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi