closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Nobel per la chimica, vince il dettaglio lillipuziano

Chimica. Il nobel lo conquistano il tedesco Stefan Hell e gli americani Eric Betzig e William Moerner per aver perfezionato la risoluzione dei microscopi, portandola nella nanoscala

Osservare la materia con dettaglio sempre maggiore, a partire dall’invenzione del primo microscopio ottico, è uno degli obiettivi innegabili della scienza. Negli anni si sono susseguiti molti miglioramenti tecnologici atti a perfezionare il parametro principe della microscopia, ossia la «risoluzione». Quest’ultima, infatti, descrive impietosamente quale è la distanza minima a cui il microscopio sa distinguere due oggetti e di conseguenza qual è il dettaglio più piccolo che si può osservare. Una legge nota come legge di Abbe alla fine del XIX secolo stabilì in 0.2 micrometri il limite per i microscopi che lavorano con luce visibile e, fino a pochi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.