closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Vigilanza Rai, va in onda il dopo Concertone

Primo maggio. Di Mare: Da Fedez manipolazione

«Se c’è una guerra di cui vorrei parlare è quella che il nostro governo sta dichiarando in questo momento alla magistratura italiana». Primo maggio 2003, Daniele Silvestri sale sul palco del Concertone e prima di cantare «Il mio nemico» pronuncia queste parole. Panico nel retropalco, fiumi di polemiche. Il governo in questione era guidato da Berlusconi, il nome del cantante compare oggi nella lunghissima lista dei candidati al consiglio d’amministrazione Rai (183 i curriculum arrivati al Senato, 132 alla Camera), ma è un omonimo. L’interminabile show sul caso Fedez potrebbe concludersi così: Daniele Silvestri (il cantante) al vertice di viale...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi