closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Viaggio nel cinema di Fellini attraverso i miti delle immagin

Letture. «L’apparizione e l’ombra», tra inconscio collettivo e Neorealismo, il libro di Bruno Roberti sul regista

Federico Fellini e Giulietta Masina

Federico Fellini e Giulietta Masina

Tornare a Fellini nel centenario della sua nascita non può che incrociare l'attualità distopica e surreale, tra resistenza dell'immaginazione in un mondo d'utili e referto dell'iniquità del contemporaneo, di un blaterare ipocrita divenuto principio, ideologia; e come il giovanilismo ebete al centro ad esempio della Voce della luna in cui alla fine s'invoca il silenzio. Ma al polo opposto di questa empietà c'è l'esperienza fantastica, la sacralità della creazione, sorta e alimentata proprio nei santuari dell'immagine in movimento, in corsa a 24 fotogrammi al secondo: questa la formula, la misura dei sogni. SONO LE SALE cinematografiche, fondamentali per Fellini di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi