closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Viaggio al termine del buio

Scaffale. «Cieli neri. Come l’inquinamento luminoso ci sta rubando la notte» di Irene Borgna, per Ponte alle Grazie

Vincent Van Gogh, «La notte stellata», 1889

Vincent Van Gogh, «La notte stellata», 1889

L’oscurità di un cielo stellato è da sempre mappa geografica di poeti, navigatori, eroi che abbandonano le certezze del giorno per seguire avventure e sentimenti, a volte combattimenti con le terribili forze dell’altro mondo, incorporea proiezione del lato oscuro. Eppure l’Italia, risaputamente terra di eroi, poeti e navigatori, ha paura del buio. Più dei francesi, dei tedeschi e soprattutto degli abitanti del Regno Unito, che sborsano per l’illuminazione pubblica, rispettivamente, la metà, meno della metà e quasi un quarto di quanto spendiamo noi. Certo è che le strade italiane sono sempre più illuminate, e sempre peggio: meravigliose città, fari di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi