closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Via libera al «divisivo» Quim Torra, la Catalogna ha di nuovo un presidente

Eletto per un soffio. L'astensione della Cup spiana la strada al candidato scelto da Puigdemont. Un personaggio molto criticato per i suoi scritti suprematisti in cui se la prende con «gli spagnoli»

Il neo presidente della Catalogna, Quim Torra

Il neo presidente della Catalogna, Quim Torra

Dopo 200 giorni di governo controllato da Madrid grazie all’articolo 155 della Costituzione, e a quasi 5 mesi dalle elezioni del 21 dicembre, la Catalogna ha finalmente un nuovo presidente. Mancano solo dieci giorni alla scadenza dopo la quale sarebbero scattate elezioni anticipate automatiche. Ieri il Parlament di Barcellona ha votato per un pelo, e con l’astensione della Cup, Quim Torra come nuovo capo dell’esecutivo catalano. Appena il capo dello stato, il re Filippo di Borbone, firmerà la nomina (fra oggi e domani), automaticamente verrà sospesa l’applicazione del 155 e l’esecutivo catalano tornerà ad assumere pieni poteri. La nomina dei...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi