closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

“Vi paga Benetton”. L’attacco di Di Maio al Pd diventa un boomerang

Renzi smentisce: mai una lira da loro, nemmeno per la Leopolda. Martina annuncia querele. E un sito di news rivela che fu il premier Conte a lavorare per l'associazione dei concessionari autostradali

Luigi Di Maio e Giuseppe Conte a Genova

Luigi Di Maio e Giuseppe Conte a Genova

«Siamo il primo governo che non ha preso i soldi da Benetton», dice Luigi Di Maio, annunciando la revoca della concessione ad Autostrade per l’Italia prima di capire che non sarà facile e forse nemmeno possibile. Non è un’allusione ma un’accusa diretta all’avversario abituale: il Pd. E soprattutto a Renzi, che infatti nemmeno citato subito risponde. «Benetton e Autostrade non hanno pagato la mia campagna elettorale, né quella del Pd, né la Leopolda. Utilizzare una tragedia per attaccare gli avversari, mentendo, dà il senso della caratura morale e politica del vicepresidente del Consiglio». Di Maio ne aggiunge anche un’altra: «Autostrade...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.