closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

«Vertice Ue di emergenza se la trattativa si blocca», Tsipras riceve Tusk

Grecia. Il premier accusa i creditori: pongono ostacoli alla ripresa e all’uscita del Paese dal programma di sostegno, fra un anno

Atene, Alexis Tsipras riceve Donald Tusk

Atene, Alexis Tsipras riceve Donald Tusk

«Le responsabilità per i ritardi nella conclusione della seconda valutazione del programma greco sono dei creditori e non accetterò giochi sulla pelle dei greci e a discapito di una ripresa economica in atto». Sceglie parole molto nette il premier greco Alexis Tsipras, al termine dell’incontro che si è tenuto ieri ad Atene tra il leader di Syriza e il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk. Quest’ultimo, dopo essersi mostrato ottimista su un possibile accordo «siamo vicini, molto vicini», ribadisce con forza che l’intenzione dell’Unione europea non è quella di punire la Grecia, ma di aiutare, ammettendo che «il popolo greco...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi