closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Vertice Erdogan-Putin: business in comune, fronti militari rivali

Summit Sochi. Poche le informazioni uscite dall'incontro a Sochi: tiene la tregua a Idlib ma Ankara non nasconde il fastidio per i bombardamenti sui jihadisti alleati

«La pace in Siria dipende dalle relazioni tra Turchia e Russia», ha detto Recep Tayyip Erdogan, durante l’incontro che ha avuto ieri a Sochi con Vladimir Putin. O piuttosto il proseguimento della guerra, diranno i critici dell’intervento turco e russo, da sponde diverse, nella crisi siriana. Comunque sia Erdogan nelle tre ore di colloquio che ha avuto con il presidente russo ha espresso l’irritazione di Ankara per la situazione nella provincia siriana nord-occidentale di Idlib, soggetta da giorni a una ripresa dei bombardamenti da parte delle forze aeree siriane con l’appoggio dell’aviazione di Mosca contro basi dell'opposizione accanto a postazioni...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.