closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Venticinque civiltà cancellate dalla storia

Archeologia e antropologia. L’«Homo heidelbergensis», il sito mesolitico di Göbekli Tepe, l’«Europa antica» danubiana: «Culture dimenticate», da Bollati Boringhieri

Il sito archeologico  di Göbekli Tepe («collina tondeggiante»),  a nord-est della città  di Sanliurfa, in Turchia

Il sito archeologico di Göbekli Tepe («collina tondeggiante»), a nord-est della città di Sanliurfa, in Turchia

«Era dunque già la Toscana potente, piena di religione e di virtù, aveva i suoi costumi e la sua lingua patria: il che tutto è suto spento dalla potenza romana. Talché, come si è detto, di lei ne rimane solo la memoria del nome». Così Machiavelli sulla fine della civiltà etrusca, scomparsa nel nulla da cui era venuta. Negli stessi anni in cui Machiavelli faceva la spola tra Firenze e la corte papale di Roma e stava ancora lavorando a quei Discorsi su Livio che non avrebbe mai pubblicato in vita, un altro uomo rifletteva sullo stesso problema: perché delle...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi