closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Venti anni di rate per andare in pensione anticipata

Previdenza. Il piano del governo comunicato ai sindacati: i lavoratori dovranno indebitarsi. Nasce il mercato dell’«anticipo pensionistico»: dal Welfare si passa al Bankfare. Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Tommaso Nannicini: «Coinvolgiamo banche e assicurazioni non per ideologia ma per vincolo di bilancio». Sindacati soddisfatti: «C'è qualche novità positiva, il clima con il governo è cambiato». Poletti: «incontro positivo e di grande lavoro». La Cgil chiede la modifica della legge Fornero

Manifestazione pensionati a Roma

Manifestazione pensionati a Roma

Dopo il mercato dei mutui, quello del credito al consumo e immobiliare, il governo Renzi conferma di volere crearne uno nuovo: il «mercato degli anticipi pensionistici» coinvolgendo governo, Inps, banche, assicurazioni. Si vuole cioè creare una domanda, che oggi non esiste, tra coloro che intendono o sono costretti ad andare in pensione in maniera anticipata. Secondo il sottosegretario alla presidenza del Consiglio,Tommaso Nannicini - l’ideatore di questa operazione - sarebbero tre le categorie di lavoratori coinvolti: il dipendente pubblico, chi ha perso il lavoro ha oltre 50 anni e non i requisiti di uscita, o gli over 50 licenziati dalle...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.