closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Vandermark e Wooley, stralunato duo

Note sparse. Americani, fra le figure di maggiore spicco dell'area dell'improvvisazione, si sono esibiti nell'ambito del festival Angelica

Ken Wandermark e Nate Wooley

Ken Wandermark e Nate Wooley

Americani, bianchi, tra le figure di maggiore spicco dell'area dell'improvvisazione, il sassofonista Ken Vandermark e il trombettista Nate Wooley hanno collaborato ampiamente, anche in duo, e adesso sono assieme in Shelter, che si è ascoltato domenica a Bologna, al Teatro San Leonardo, nell'ambito delle attività di AngelicA: un quartetto con l'olandese Jasper Stadhouders, basso elettrico e chitarra, e l'australiano residente a Berlino Steve Heather, batteria. L'idioma più tipicamente improvvisativo è solo uno degli elementi che vengono combinati in brani strutturati ciascuno con una propria differente fisionomia. Soprattutto al tenore, che alterna col clarinetto, Vandermark può arrivare fino ad un parossismo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi