closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Editoriale

Van der Bellen, scivolone italiano

L’Austria vuol dire diversità. L’impero, rivendicato ora dalle «piccole patrie» (Ungheria e Slovacchia) contro migranti e Ue; l’austromarxismo, con l’originalità delle analisi di Max Adler e Otto Bauer; la Vienna di Sigmund Freud…

Ora l’Austria felix e il mito di Stefan Zweig si riempie del più bello dei contenuti: ha fermato l’irresistibile ascesa dello xenofobo Hofer. Ad opera del pur timido Van der Bellen.

Che però tra i tanti meriti ha avuto il difetto di scivolare sull’Italia: a urne referendarie aperte si è augurato: «Speriamo che Renzi ce la faccia».

Certo, il pericolo Hofer come Salvini, ma dimenticando il No democratico e di sinistra.

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.