closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Editoriale

Van der Bellen, scivolone italiano

L’Austria vuol dire diversità. L’impero, rivendicato ora dalle «piccole patrie» (Ungheria e Slovacchia) contro migranti e Ue; l’austromarxismo, con l’originalità delle analisi di Max Adler e Otto Bauer; la Vienna di Sigmund Freud…

Ora l’Austria felix e il mito di Stefan Zweig si riempie del più bello dei contenuti: ha fermato l’irresistibile ascesa dello xenofobo Hofer. Ad opera del pur timido Van der Bellen.

Che però tra i tanti meriti ha avuto il difetto di scivolare sull’Italia: a urne referendarie aperte si è augurato: «Speriamo che Renzi ce la faccia».

Certo, il pericolo Hofer come Salvini, ma dimenticando il No democratico e di sinistra.


Vuoi partecipare alla costruzione del nuovo manifesto?
Questa è l’ultima settimana per farlo!

Nel 2021 compiremo i 50 anni in edicola e vogliamo far crescere insieme questo esperimento unico di informazione libera, critica e autofinanziata dai lettori.

Vogliamo un sito grande, che rispetti la privacy e metta al centro i lettori. Un sito coinvolgente e partecipato, dove sia possibile informarsi liberamente e “formarsi” come comunità.

ACQUISTA L’ABBONAMENTO DIGITALE SPECIALE
3 SETTIMANE A 10 €

entrerai nella “comunità dei lettori” che lavoreranno con noi per disegnare il giornale del futuro

ABBONATI
Scegli una diversa formula di abbonamento | Scopri la campagna