closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Valerie June e la cartina di tornasole

Note sparsse. Rientro in grande stile per la musicista african american nativa di Jackson e residente a Memphis, con l'album «The Moon and stars: prescriptions for dreamers»

Valerie June

Valerie June

Rientro in grande stile per la musicista african american nativa di Jackson e residente a Memphis, Tennessee. A primo impatto quello che emerge è l’allontanamento dai territori blues folk attraverso i quali si è fatta conoscere. Ma con un ascolto più attento ed oculato, perché occorre tempo ed attenzione considerata la quantità di contenuti musicali e testuali presenti, si ravvisa ancora adesione se non alle forme, all’essenza della black music. I quattordici brani presenti, risentono certo dell’influenza del produttore J. Splash, già con K. Lamar, K. Perry e A. Keys: ne sono l’esempio i suoni digitali e dal sapore hip...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi