closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Vagabondi dell’identità

Anticipazioni. Pubblichiamo in esclusiva uno stralcio della postfazione al romanzo di Majgull Axelsson, «Io non mi chiamo Miriam», tradotto da Iperborea. La scrittrice svedese sarà in Italia a novembre

Dopo la fine della Seconda guerra mondiale, nel 1945, pochi ebbero il coraggio e la forza di affrontare le vittime e i boia, l’indicibile sofferenza e i disumani soprusi del conflitto. C’erano stati cinquanta milioni di morti. Quasi tutti avevano qualcuno da piangere. Molti avevano perso casa e famiglia. Per regolare i conti con i responsabili della guerra ci si limitò ai processi di Norimberga. Si voleva dimenticare e andare avanti, guardando al futuro. Ma alcuni non potevano, non volevano, non dovevano dimenticare. Erano le decine di migliaia di prigionieri inaspettatamente ancora in vita quando, nella fase finale del conflitto,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.