closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Vaccino, non per tutti. Nei Paesi poveri tagliati fuori nove cittadini su dieci

Covid. L'Italia prenota 202 milioni di dosi. People’s Vaccine Alliance chiede a governi e aziende di rinunciare ai brevetti

Se i vaccini contro il Covid-19 in corso di sperimentazione saranno autorizzati, l’Italia riceverà 202 milioni di dosi di vaccino dai vari produttori, stando ai contratti già siglati. Ciascun cittadino italiano avrà così a disposizione tre o quattro dosi. In altri Paesi ricchi va ancora meglio: ogni canadese, per esempio, potrà vaccinarsi cinque volte, visto il rapporto tra il numero di vaccini prenotati e la popolazione. All’opposto, in 67 Paesi in via di sviluppo le dosi a disposizione basteranno a vaccinare solo una persona su dieci. Sono i dati raccolti e analizzati da «The People’s Vaccine», un’alleanza di organizzazioni umanitarie...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi