closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Vaccini, le promesse del premier e lo scoglio della realtà

Obiettivo a rischio. Draghi annuncia novità sul piano, con 500 mila somministrazioni al giorno e più uniformità tra le regioni. Ma i dati sulla campagna vaccinale condotta fin qui fanno dubitare

Roma, il centro vaccini nella Nuvola di Fuksas all’Eur

Roma, il centro vaccini nella Nuvola di Fuksas all’Eur

La sostituzione di Domenico Arcuri con il generale Figliuolo nel ruolo di commissario straordinario è, nei piani del governo Draghi, il primo passo verso un’ulteriore revisione del piano strategico vaccinale. Il piano aveva ben poco di “strategico”, se dal 2 gennaio in cui è stato approvato ha subito così tanti aggiornamenti. L’ultima versione è del 12 febbraio, sulla base dei nuovi dati sulle dosi di vaccino prenotate dal nostro paese. Basta guardare quella tabella, già molto ottimista di suo, per capire che la promessa del governo Draghi di arrivare a 500 mila vaccinazioni al giorno a 19 milioni di vaccinazioni...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi