closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Vaccini e corruzione: in Paraguay proteste «fino alle dimissioni»

Mobilitazione continua. Politici e ministri vaccinati di nascosto, epidemia sottovalutata

Le proteste in Paraguay

Le proteste in Paraguay

Le proteste andranno avanti «tutti i giorni, fino a che non rinuncino». È con questa parola d'ordine che il popolo paraguayano è mobilitato da una settimana contro l'incompetente gestione dell'emergenza Covid da parte del governo di Mario Abdo Benítez. E a nulla sono serviti i ricambi ministeriali operati dal presidente, figlio dell'omonimo braccio destro del dittatore Alfredo Stroessner, nella speranza di placare la rabbia della popolazione, né le dimissioni del ministro della Salute Julio Mazzoleni, sotto attacco da parte del parlamento e dei sindacati degli operatori sanitari. Preoccupata per l'aumento dei contagi, l'assenza di vaccini e il collasso di un...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi