closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Vaccini, così Pfizer e Washington puntano a migliorare la loro immagine nel mondo

Mezzo miliardo di dosi ai paesi poveri, l'annuncio di Biden al fianco dell'ad Albert Bourla. «Lo facciamo senza vincoli, per salvare vite umane». Dalle valvole cardiache difettose ai bambini nigeriani uccisi dal Trovan: tutti gli inciampi della casa farmaceutica

L'ad di Pfizer, Albert Bourla, con Joe Biden

L'ad di Pfizer, Albert Bourla, con Joe Biden

L’annuncio del presidente degli Stati uniti Joe Biden - la donazione di 500 milioni di dosi del vaccino Pfizer ai Paesi più poveri per aiutarli nella battaglia contro il Covid-19 - è stato fatto alla vigilia dell'inizio del G7. Ed è stato fatto parlando accanto all'amministratore delegato di Pfizer, Albert Bourla. «GLI STATI UNITI stanno fornendo questo mezzo miliardo di dosi senza alcun vincolo - ha specificato Biden - Le nostre donazioni di vaccini non includono pressioni per favori o potenziali concessioni. Lo stiamo facendo per salvare vite umane». Un’operazione che rientra di certo nello spettro delle operazioni avviate da...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi