closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Scuola

Usa, le élite all’attacco dei prof della scuola pubblica

Fate i Cattivi. Intervista a Mike Naison. L'attacco neoliberale è promossodalle fondazioni e dalle organizzazione no-profit da alcune delle persone più ricche del pianeta: Bill Gates, Eli Broad, la famiglia Walton, Michael Bloomberg. La nuova scena dei movimenti dei docenti, genitori e studenti contro privatizzazione, scuola quiz e precariato di nuova generazione

Mark Naison insegna African American Studies e storia alla Fordham University di New York. È un prof bianco che fa rap ed è appassionato di insegnamento. Da anni è impegnato nella campagna della Badass Teachers Association, un’organizzazione nazionale nata nel 2003 per fare voce agli insegnanti stanchi di essere trattati da capro espiatorio dei problemi dell’istruzione pubblica. A Mark racconto cosa sta accadendo agli insegnanti italiani con la «Buona Scuola» di Renzi; esodi forzati da Sud a Nord per quelli della primaria, poteri manageriali ai presidi, stipendi bassi, precariato e burocratizzazione dell’insegnamento. «È davvero inquietante apprendere che in Italia ci...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.