closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'Ultima

Usa, 8 luglio: i detenuti celebrano il potere della loro lotta unitaria

Stati uniti. Un anno fa 30 mila detenuti in California scendevano in sciopero della fame e del lavoro per chiedere la fine dell’isolamento di lungo periodo. Suoerando le divisioni razziali e religiose, la più grande mobilitazione di reclusi nella storia americana ha raggiunto il suo scopo

L’8 luglio di un anno fa, 30 mila detenuti in California scesero in sciopero della fame e del lavoro, il più grande sciopero di detenuti nella storia degli Usa. La loro rivendicazione principale era la fine dell’isolamento di lungo periodo – che dura anche decenni, in cubicoli spesso senza finestre di 2x2,5m. In California oltre 10 mila persone vengono private, talvolta per sempre, di ogni contatto umano. Alcuni scioperanti rifiutarono perfino l’acqua. Un detenuto morì dopo il rifiuto dell’aiuto medico, ma per i funzionari della prigione si era suicidato, una balla delle guardie, che, con il loro sindacato, traggono benefici...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi