closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'Ultima

Usa, 8 luglio: i detenuti celebrano il potere della loro lotta unitaria

Stati uniti. Un anno fa 30 mila detenuti in California scendevano in sciopero della fame e del lavoro per chiedere la fine dell’isolamento di lungo periodo. Suoerando le divisioni razziali e religiose, la più grande mobilitazione di reclusi nella storia americana ha raggiunto il suo scopo

L’8 luglio di un anno fa, 30 mila detenuti in California scesero in sciopero della fame e del lavoro, il più grande sciopero di detenuti nella storia degli Usa. La loro rivendicazione principale era la fine dell’isolamento di lungo periodo – che dura anche decenni, in cubicoli spesso senza finestre di 2x2,5m. In California oltre 10 mila persone vengono private, talvolta per sempre, di ogni contatto umano. Alcuni scioperanti rifiutarono perfino l’acqua. Un detenuto morì dopo il rifiuto dell’aiuto medico, ma per i funzionari della prigione si era suicidato, una balla delle guardie, che, con il loro sindacato, traggono benefici...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.