closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Scuola

Università, la protesta contro la valutazione «pubblica e uccidi»

Meritocrazia oggi. 129 mozioni contro il sistema della valutazione, il blocco degli scatti degli stipendi e del turn-over, i tagli ai fondi sono state sottoscritte da 21 senati accademici e 46 atenei. Il movimento più ampio dal 2010 pensa di boicottare il sistema di valutazione che ha drenato risorse dal Sud al Nord. Il governo, per ora, tace

La mappa della protesta 2015

La mappa della protesta 2015

Ventuno senati accademici, 46 atenei coinvolti, 129 mozioni approvate contro la valutazione della ricerca scientifica (Vqr) e lo sblocco degli scatti stipendiali dei docenti. Dal bilancio provvisorio stilato da Roars, il sito di contro-informazione sulle politiche universitarie e della ricerca, potrebbe mancare qualche atto, ma la notizia c'è: nell'università italiana esiste un inedito fronte della protesta contro lo strumento di governo per eccellenza delle intelligenze, della vita accademica e dei destini dei precari: il moloch della Vqr introdotto a viva forza dalla legge Gelmini. Si sa che i docenti universitari non sono particolarmente pronti di riflessi. Hanno impiegato quattro anni...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi