closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Scuola

Università, addio al posto fisso: ricercatori sempre precari

Spending review. La legge di stabilità 2014 sarà un vero affare per gli atenei? Le prime analisi della bozza hanno scovato il diavolo nel dettaglio: Renzi ha bloccato i tagli per un biennio, ma li farà pagare con gli interessi nei prossimi otto anni. Vediamo come

Il diavolo si nasconde nei dettagli. E la legge di stabilità firmata dal presidente della Repubblica Napolitano conferma il proverbio. Parliamo delle norme sull'università. Il governo ha festeggiato l'aggiunta da 150 milioni di euro ad un budget tagliato di 1,1 miliardi di euro da Tremonti. Questi soldi dovrebbero azzerare quasi del tutto il taglio da 170 milioni previsto. La ministra dell'Università e della ricerca Stefania Giannini ha ipotizzato l'assunzione immediata di 7-800 ricercatori nelle università cosiddette «virtuose», 2 mila a regime. Un vero affare, dunque. Qualcosa allora si muove! Non è così. Perché la riduzione della spesa è prevista solo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.