closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Unità nazionale a pezzi con l’Intifada alle porte

Palestina. Durante le commemorazioni ufficiali per il decennale della morte di Arafat, il presidente dell'Anp Abu Mazen ha rivolto accuse pesanti ad Hamas ufficializzando una nuova grave frattura tra palestinesi che era nell'aria da settimane. Intanto aumentano i segnali di una nuova Intifada. Ieri uccisi due palestinesi

Le bandiere della Palestina e quelle gialle di Fatah ieri mattina hanno attraversato Ramallah per commemorare i dieci anni dalla morte del “padre della patria” Yasser Arafat. Migliaia di palestinesi in strada. Gli avvocati con la toga, gli insegnanti, le organizzazioni delle donne, gli studenti di ogni età ad inneggiare, i boy-scout con i tamburi e tanta gente giunta dai villaggi vicini. Tanti fermi ai lati delle strade hanno seguito e applaudito al loro corteo diretto alla Muqata, dove riposa Arafat. A “controllare” tutto, come aveva fatto per 40 anni, c’era proprio lui, il leader palestinese scomparso, con gli occhiali...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.