closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Unioni omosex, per la Chiesa sono fuori dalla «grazia di Dio»

Coppie gay «non ordinate al disegno del Creatore». L’ex Sant’Uffizio nega loro la benedizione. Per il Vaticano di Papa Francesco le relazioni Lgbtq sono «gravi depravazioni». Il cattolicesimo accoglie i singoli omosessuali, i «peccatori», ma non il «peccato»

Papa Francesco

Papa Francesco

Il quesito era esplicito: «La Chiesa dispone del potere di impartire la benedizione a unioni di persone dello stesso sesso?». La risposta è netta: No! E così la Congregazione vaticana per la dottrina della fede (l’ex Sant’Uffizio), con «l’assenso» di papa Francesco – come viene precisato –, ribadisce che non è possibile alcun riconoscimento delle unioni gay da parte della Chiesa cattolica. LE MOTIVAZIONI che accompagnano il parere negativo della Santa sede – formalmente la risposta (responsum) a un dubbio (dubium), sollevato non si sa bene da chi – sono pesanti e rispolverano il Catechismo della Chiesa cattolica dell’èra Wojtyla-Ratzinger:...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi