closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Un’estate contro il pareggio di bilancio

Fiscal compact. La raccolta firme per il referendum e la proposta di legge di iniziativa popolare possono dare un contributo a rilanciare una mobilitazione dal basso contro le politiche di austerità in Europa

Le osservazioni di Gaetano Azzariti di ieri su il manifesto a proposito del referendum sul fiscal compact sono sicuramente pertinenti e utili e meritano un dialogo. Dopo ormai due anni di inazione, il merito dei promotori del referendum - cui abbiamo aderito- è quello di avere rilanciato l’urgenza della battaglia contro l’austerità. I promotori non vogliono «l’austerità flessibile o espansiva», ma il loro obiettivo è riassunto dal nome del sito web che promuove l’iniziativa: «Stop austerità», senza se e senza ma. Sappiamo che non era possibile intervenire direttamente - pena l’ovvia incostituzionalità- con l’abrogazione delle norme della legge 243/2012 che...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi