closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Un’epopea ancestrale di perdizione e desiderio di riscatto

Narrativa africana. «Un’orchestra di piccole voci», del nigeriano Chigozie Obioma, edito da Bompiani. In controluce, dal testo emergono istanze anticoloniali, la denuncia di terre depredate e culture distrutte

Fashion designer Ituen Basi

Fashion designer Ituen Basi

«Ho vissuto abbastanza tra gli uomini per sapere che la solitudine è come un cane rabbioso che abbaia senza sosta nella lunga notte del dolore». Storia d’amore e odio, di tradimento e vendetta, Chigozie Obioma (nato in Nigeria, studente a Cipro e ora residente negli Stati Uniti, finalista per la seconda volta al Man Booker Prize) affronta nel suo secondo romanzo Un’orchestra di piccole voci (Bompiani, pp. 530, euro 24) il dramma intimo e personale della perdita di tutto ciò che un uomo possiede, oltre che di se stesso, elevandolo al livello del mito e facendone un’epopea ancestrale di perdizione...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.