closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Una vita da mediano antifascista

Sport. Una lapide allo stadio Zini ricorda Vittorio Staccione, uno sportivo che ha lottato per la libertà ed è caduto a Mauthausen per mano delle SS

La Cremonese ha giocato la sua partita fuori dal campo. Questa volta i play off per salire di categoria non c’entrano, a richiamare l’attenzione di tifosi e autorità cittadine è il nome di un calciatore, Vittorio Staccione, un mediano che a 20 anni giocò in serie A nella Cremonese nel campionato 1924-25, nel corso del quale la squadra lombarda si classificò settima. La targa che il comune di Cremona gli ha dedicato, non è per i meriti sportivi, che pure per l’età che aveva erano indiscutibili e facevano ben sperare, ma per il suo spirito antifascista. Vittorio Staccione nacque Torino...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.