closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Rubriche

Una vela calata nasconde il mare

Divano. In apertura del ventiseiesimo capitolo de L’Isola del Tesoro, dove leggiamo, trattenendo il respiro, di Jim Hawkins che, a bordo dell’Hispaniola finalmente arenata, affronta sull’alto pennone del veliero, il suo duello mortale col sottonostromo Israel Hands

«Adesso il vento, venendo incontro a un nostro desiderio, era girato a ovest. Tanto più facile, quindi, fu la nostra corsa dalla punta nord-occidentale dell’isola all’imboccatura della Baia Nord. Solo che, non essendo in grado di ancorare la nave, e non osando farla arenare finché la marea crescente non fosse arrivata molto più avanti, ci avanzava un sacco di tempo». Il tempo della marea, se non impone il ritmo dell’episodio, influisce certo nell’articolazione del suo intreccio: il mare svolge il suo ruolo di protagonista anche qui, in apertura del ventiseiesimo capitolo de L’Isola del Tesoro, dove leggiamo, trattenendo il respiro,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi