closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Una telefonata che può costargli la presidenza

L'impiccione. Quindi mentre a Washington s’intensificherà l’accerchiamento intorno alla Casa Bianca, a Kiev crescerà il caso Biden in un gioco di rimandi reciproci, a vantaggio di Donald Trump più che di colui che era considerato come il suo più probabile sfidante democratico

Una telefonata che potrebbe costargli la presidenza. La trascrizione della conversazione di Donald Trump con il presidente ucraino Volodymyr Zelenskiy, il 25 luglio scorso, è un’incredibile sequenza di crimini, dall’abuso d’ufficio alla violazione del giuramento presidenziale. Il tutto aggravato dalla promessa del ripristino di aiuti a un paese straniero, congelati alcuni giorni prima il colloquio. Un dolce ricatto. Come non procedere sulla strada dell’impeachment? Del resto era quello che aveva già deciso di fare la speaker della camera Nancy Pelosi due giorni fa, dopo aver a lungo resistito, prima che scoppiasse lo scandalo ucraino, alla spinta verso il procedimento di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.