closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Una storia paradigmatica di resistenza per sfuggire al nazismo

NARRAZIONI. «La ragazza dei colori», un romanzo di Cristina Caboni edito da Garzanti

Villa Emma, Nonantola

Villa Emma, Nonantola

Raccontare la vicenda dei ragazzi ebrei di Villa Emma, vicino Nonantola, è semplice perché è una bella storia. E adesso è narrata anche nel romanzo La ragazza dei colori di Cristina Caboni (Garzanti, pp. 295, euro 18.60). Era luglio del 1942 quando un gruppo di ragazzi e ragazze ebrei in fuga dalla Germania e dall’Austria nazista trovarono rifugio nella villa abbandonata in provincia di Modena. A loro si aggiunsero, nell’aprile del 1943, altri bambini e bambine ebrei provenienti dalla Bosnia e dalla Croazia. Una vicenda di fuga e di accoglienza organizzata dalla Delasem, organizzazione di assistenza emigranti ebrei attiva in...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.