closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Una storia di sfruttamento e dignità nel Messico di Porfirio Díaz

Narrativa. Torna per Wom edizioni il romanzo del 1936 «La rivolta degli appesi» di Bruno Traven. Una storia ambientata tra i lavoratori delle foreste

Lo scrittore Bruno Traven

Lo scrittore Bruno Traven

«Dio, che venne sulla Terra duemila anni fa per salvare gli uomini, dimenticò senza dubbio gli indiani», si dicono disillusi e ormai sul punto di disperare gli sfruttati nelle foreste di mogano in La rivolta degli appesi. Pubblicato per la prima volta nel 1936, tradotto in italiano per Longanesi nel 1952, il libro del misterioso scrittore Bruno Traven torna ora in libreria in una curatissima nuova traduzione per Wom edizioni (pp. 256, euro 20). SIAMO IN MESSICO, negli ultimi anni della dittatura di Porfirio Díaz. Nelle monterìe dove si abbattono, si scorticano e si fanno viaggiare i tronchi degli alberi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.