closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Una sparata post-elettorale, ma pericolosa

Chiudere i porti?. Una manovra disperata e diversiva. Tutti sanno che l’Italia non otterrà granché dall'Europa, salvo la solidarietà verbale di Juncker e Merkel

La chiusura dei porti alle navi delle Ong straniere, ventilata dal governo, è una bolla d'aria, una sparata, ma è anche una minaccia grave e politicamente pericolosa. Mi spiego. La Convenzione internazionale sul salvataggio in mare (1979, sottoscritta dall’Italia) «obbliga gli stati ad assicurare assistenza a chiunque in situazione di pericolo in mare, senza riguardo alla nazionalità e allo status delle persone… e a trasportarle in un luogo in cui sia assicurata la loro incolumità» (place of safety). Se l’Italia non consentisse l’attracco delle navi straniere si renderebbe responsabile sia della violazione del trattato in questione, sia di discriminazione verso...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.