closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Reportage

Una scuola, tra progetto e giornale

#ilmanifesto50. A interessarmi non era lo stare «dalla parte del torto» ma la dimensione politica dei fatti, grandi o piccoli che fossero

Ezio Mauro è stato direttore de La Stampa prima e di Repubblica poi dal 1992 al 2016

Ezio Mauro è stato direttore de La Stampa prima e di Repubblica poi dal 1992 al 2016

Ovviamente, e per fortuna, cinquant’anni dopo non si riesce a distinguere la parte giornalistica dalla componente politica. Il manifesto, è così, una cosa sola, uno strumento di battaglia e di conoscenza insieme. Capire per fare, conoscere per prendere parte, sapere per poter cambiare. In mezzo secolo in cui la neutralità dell’informazione è stata spesso scambiata con il cinismo, la «realpolitik», l’acquiescenza, questo esperimento permanente ha sempre svolto fino in fondo i due ruoli, giornale e progetto politico, uniti in un’idea del mondo e in una chiave d’interpretazione del Paese. Una lettura troppo parziale nella sua radicalità? Ma non è stata...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi