closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Veneto tra acqua e cemento

Treviso. La tragedia di Refrontolo incarna la dicotomia della regione del nord-est: rivendica un’identità di sicurezza, ma è sempre più terra di cataclismi naturali

Un «piccolo Vajont»? Se mai, la nuova Tesero o la replica di troppe altre «fatalità» innaturali. L’acqua del torrente Lierza sabato sera dopo le 22 ha fatto girare a vuoto il Molinetto della Croda fino a travolgere come un vero tsunami la tradizionale «Festa degli uomini» allestita in riva. Quattro morti: Fabrizio Bortolin, 48 anni; Maurizio Lot, 52; Luciano Stella, 50, e Giannino Breda, 67. Una decina i feriti con tante altre persone terrorizzate. Gente che si è salvata a fatica dalla potenza d’urto della marea. Sopravvissuti fino a rifugiarsi per ore nelle trattorie della zona. Ma nessun sasso è...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.