closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Una «sanitopoli» calabrese

Scandali . La procura di Cosenza indaga sul management dell’Azienda sanitaria provinciale

Decine di avvocati ammessi come consulenti senza che fossero eseguite le procedure previste per legge. Il tutto grazie a curriculum farlocchi. Tra i destinatari, il 7 settembre scorso, di un avviso di garanzia dalla procura di Cosenza, tutti i componenti del management pro-tempore dell’Azienda sanitaria provinciale, dirigenti e liberi professionisti. Tra questi l’attuale direttore generale Gianfranco Scarpelli, Franco De Rose, che è stato commissario dell’azienda per circa un anno tra il 2010 e il 2011, e il precedente direttore generale Franco Petramala. L’Asp di Cosenza, sotto la lente della commissione di accesso per infiltrazioni mafiose nel 2013, si conferma una...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi