closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Una rivolta in forma di romanzo

PRIMAVERE ARABE. Un’anticipazione dall’intervento al convegno «Tawrat al-karama» che si svolgerà domani e giovedì a Pisa. La letteratura tunisina tra memoria, indagine e ricerca Un’analisi a dieci anni dalla Rivoluzione dei Gelsomini. Al francese usato un tempo per esprimere i temi del corpo, si aggiunge ora l’arabo locale. Una sfida ai tabù legati alla sacralità della lingua

Street art per le vie di Djerba

Street art per le vie di Djerba

Quando si affronta la letteratura tunisina del post 2011 non si può prescindere dal peso che due versi di Abu’l-Qasim al-Shabbi (1909-1934), poeta nazionale, hanno avuto nella storia recente del paese: «Se un giorno il popolo vorrà vivere, il destino dovrà assecondarlo/ Le tenebre della notte si dissiperanno e le catene dovranno spezzarsi». Con «I canti della vita», pubblicata postuma, consegna al suo popolo una letteratura «degna dell’eternità». Quei versi, immortalati già dall’inno nazionale, sarebbero stati scanditi durante le manifestazioni contro il regime di Ben Ali ed esportati in tutto il mondo arabo. NELL’IMMEDIATO post 14 gennaio in Tunisia il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi