closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Una residenza estiva per Kublai Khan

Città perdute /1. Sulle tracce di Xanadu e i luoghi lussureggianti dell’impero mongolo. Oltre le mura del palazzo, vi erano i mercati. E dentro, sorgeva un enorme albero tutto d’argento

Comincia oggi la pubblicazione di una serie di pagine dedicate alle «città scomparse», che accompagneranno i lettori fino al 27 agosto. Luoghi che sono stati vissuti o solo sognati, rovine del paesaggio o tracce dell’immaginario. Si andrà alla scoperta di Xanadu, la capitale mongola, ma anche di città baleniere del ’600, Ninive, Cartagine, Hampi in India, le ghost cities Usa e le città russe di N, l’isola di Deshima, l’Irlanda leggendaria, la Ciudad de los Césares, Harlan, Ordos e la memoria di Oradour sur Glane. **** L’impero mongolo ha esercitato un fascino potente sull’immaginario degli europei. Già i contemporanei si...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.