closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Una punizione storica data in pasto alla folla

Gogna di stato. Ma all’indignazione non corrisponde una presa di coscienza sulle ragioni culturali

L'attivista indiana Soni Sori

L'attivista indiana Soni Sori

I festeggiamenti e l’appagamento da vendetta compiuta fuori dall’aula del tribunale di New Delhi, se possibile, vanno ad aggiungere ulteriore angoscia ai contorni dello stupro di Nirbhaya, crimine che ha riacceso i riflettori sull’emergenza della violenza di genere in India. Ma la società indiana, scossa al punto da ritrovare l’indignazione di fronte a stupri che rientrano ormai nell’ordinaria scaletta delle cronache locali, fatica a focalizzare l’attenzione sulle ragioni culturali e sociali alla base della violenza contro le donne. Infame tradizione che , con buona pace dei boia e dei loro sostenitori, è destinata a continuare. Il valore delle condanne a...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi