closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Una post femminista con il volto di Isabelle Huppert

Intervista. E' appena uscito nelle sale "Elle" firmato da Paul Verhoeven, quattro riconoscimenti ai Prix Lumière di Parigi

Il film è un rullo di colpi di scena sessuali, fin dalla sequenza-choc d’apertura, ancora nel buio dei titoli di testa, dello stupro subìto dalla protagonista, davanti agli occhi ferocemente impassibili del gatto. In uscita in Italia dal 23, a quasi un anno dall’ultimo Cannes, dove Isabelle Huppert per l’interpretazione stavolta davvero straordinaria avrebbe meritato l’ennesimo premio (poi ampiamente ‘recuperato’ ai Golden Globes e ai francesi Lumières e César, mancando di poco l’Oscar), Elle è stato un immediato, prevedibile tamtam di pubblico e riconoscimenti, anche per il regista, Paul Verhoeven, tornato europeo, dopo Hollow Man di 17 anni fa. Il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.