closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Una notte con Isadora Moon e Mortina

SCAFFALE. In cerca di una propria identità, tra zombie, scuole per fate e nugoli di pipistrelli

Isadora Moon è nata solo tre anni fa dalla penna di Harriet Muncaster, autrice nata nel 1988 in Arabia Saudita ma trasferitasi da piccola con la famiglia in Inghilterra, nello Hertfordshire e ha già venduto un milione di copie, di cui moltissime in Spagna. Le sue avventure sono tradotte in ventisette lingue e in Italia escono per De Agostini, compresa la app che permette di giocare col suo personaggio. Lei, Isadora Moon, è una bambina (virata tutta in bianco, rosa e nero) che «sconta» una identità mista: sua madre è una fata e suo padre un vampiro. Così le capita...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.