closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Una normativa extra-large contro ogni regola

Sardegna. Nel nuovo piano-casa della giunta Solinas una raffica sconcertante di deroghe per incrementare i volumi edificati dappertutto, pure nelle aree più tutelate

Cantiere a Carloforte

Cantiere a Carloforte

Il governo regionale sardista-leghista rompe gli indugi e ci riprova oltrepassando ogni limite nel programma di sperpero di terre e paesaggi della Sardegna. Il disegno di legge della giunta (febbraio 2020) accoglie, con il consenso a maggioranza dalla commissione urbanistica, la spericolata tesi confindustriale: «creare sviluppo superando tutti i blocchi che lo frenano». Gli impicci da rimuovere sono le regole urbanistiche e quelle del Codice dei beni culturali ovvero del Piano paesaggistico regionale. Per liberarsi dai lacci ecco la normativa extra large: una raffica sconcertante di deroghe per incrementare i volumi edificati dappertutto, pure nelle aree più tutelate. E ce...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi