closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Una Napoli colpita al cuore in pellegrinaggio allo stadio

La città non si capacita della morte del suo Diego. Per strada sguardi bassi e capo chino sui cellulari. Difficile spiegare tanto dolore per la morte di un calciatore che ha vestito la maglia del Napoli oltre 30 anni fa

La rimozione. Napoli è in silenzio, attonita. Stenta a reagire. Neppure piange. Diego Maradona è morto da qualche minuto. Non c’è reazione e la zona rossa predisposta dal governo per l’emergenza Covid-19 non c’entra niente. È morto Maradona, è inaccettabile, era immortale. Anzi, è immortale, resta immortale, coscienza e immagine di un popolo, sintesi inarrivabile di pregi e difetti di un popolo rapito con uno sguardo, un sorriso e un calcio al pallone. Per strada, per le vie del centro, sguardi bassi, capo chinato sui cellulari. Il tam tam, le domande, il dolore, la sofferenza fisica. Se chi legge si...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.