closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Una musica che guarda al passato e risuona con il tempo presente

Intervista. Parla il sassofonista francese Michel Doneda, da decenni uno dei protagonisti più liberi e radicali della free music

Michel Doneda

Michel Doneda

«Ricordo anche il giorno esatto: 23 aprile 1968, pomeriggio. Il momento in cui ho tirato fuori il primo suono dal sassofono, un sax alto: quel suono mi è entrato dentro, non l’ho più dimenticato. Non sapevo assolutamente niente né di sax né di musica. È stato proprio il suono che mi ha interessato. Avevo 13 anni: da allora non ho più smesso di produrre suoni, e di improvvisare». Esponente della generazione successiva a quella dei capiscuola dell’improvvisazione europea come Derek Bailey, Evan Parker, Peter Brotzmann, specialista del sax soprano e del sopranino, Michel Doneda è da decenni uno dei protagonisti...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.