closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Una montagna di rubli non fa grande la Russia

Mondiali 2018. Negli anni post-sovietici gli investimenti sono stati pesanti, ma non hanno formato campioni. Lo zar Fabio Capello punta sui giovani. Ha quattro anni per stupire

La Russia di Fabio Capello

La Russia di Fabio Capello

Tra quattro anni il mondiale si sposta in Russia e già si parla di possibile revoca dell’assegnazione. Un motivo sta nella crisi ucraina. Dei senatore americani hanno scritto alla Fifa, segnalando che, vista l’annessione della Crimea, non è opportuno permettere a Mosca di ospitare la kermesse. Difficile che la cosa venga presa in considerazione. Un’altra ragione è la corruzione. Si dice che russi e qatarioti si sarebbero comprati l’organizzazione delle prossime due edizioni (al paese arabo quella del 2022), decisa in un’unica soluzione. La faccenda sta tenendo banco. In attesa di capire come andrà a finire, premesso che gli interessi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi