closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Reportage

Una misteriosa alchimia immateriale

#ilmanifesto50. La longevità del nostro «quotidiano comunista» è racchiusa in un’annosa e irrisolta dialettica, quella che si sbatte e si dibatte tra confezionare un prodotto editoriale e organizzare uno strumento politico

Sandro Medici e Valentino Parlato

Sandro Medici e Valentino Parlato

Inaspettato quanto gradito, arriva l’invito a partecipare a questo anniversario. Dopo un lungo (e lento) addio, non è agevole tornare a scrivere sulle nostre pagine: quasi mi sentissi un ospite, se non un intruso. È che il tempo consuma non solo le menti e i corpi, ma offusca anche il ricordo, stempera le tensioni, e le stesse relazioni sfioriscono nell’assenza che scivola via senza rammarico. Eccomi, tuttavia, qui a festeggiare il cinquantesimo compleanno del manifesto, dopo averlo prodotto e curato, conservato e difeso per una buona metà del suo tragitto, e per l’altra metà vederlo via via sperdersi fino a...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi