closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Una megadiscarica di rifiuti minaccia la sorgente d’acqua potabile

Calabria. Il sito in provincia di Reggio dovrebbe accogliere 90 mila metri cubi spazzatura

Una discarica (immagine di repertorio)

Una discarica (immagine di repertorio)

Quanto vale il rischio di contaminazione dell’acqua che beviamo? Da qualche mese l’interrogativo per chi vive a Palmi, a Seminara o a Melicuccà, oltre ventimila abitanti della ex provincia (oggi Città Metropolitana) di Reggio Calabria, è tutt’altro che ozioso. IL CAPOLUOGO HA URGENZA di disfarsi delle montagne di rifiuti che invadono da mesi vie e piazze con vista sullo Stretto, frutto dell’incapacità di affrontare con serietà il problema della raccolta differenziata. Nell’ex provincia la quota di rifiuti differenziati è scandalosamente ferma al 33,53% (dati Ispra giugno 2019 relativi al 2018), una tra le percentuali più basse d’Italia, mentre l’inceneritore di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi