closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Una leggenda nera da sfatare ma non troppo

Il racconto della Repubblica. «Eugenio Cefis. Una storia italiana di potere e misteri» di Paolo Morando, pubblicato da Laterza. Dati reali alla mano, l’autore smantella parte delle «favole», soprattutto la «pasolineide»

Eugenio Cefis

Eugenio Cefis

L’uomo sembrava fatto apposta per suscitare sospetti anche nei meno inclini a intravedere trame oscure o immaginare pupari onnipotenti. Eugenio Cefis odiava le luci della ribalta. Il protagonista di alcuni degli affari più discutibili della storia economica italiana, come la scalata della privata Montedison grazie a fondi fuori bilancio della pubblica Eni, coltivava una gelosia per la propria immagine sconfinante nella nevrosi. Voci e leggende moltiplicate dall’improvvisa e inspiegata uscita di scena nel ’77, rinfocolate decenni più tardi dalla ormai acclarata alta probabilità che la morte di Mattei sia stata un omicidio e poi portate all’apice dalla scoperta, con un...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.