closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Una fetta di Recovery Plan alla ricca industria militare

La denuncia. Rete Italiana Pace e Disarmo: il parlamento raccomanda l’uso di parte dei fondi per l’acquisto di nuove armi. In un governo trasversale, anche il sostegno all'iniziativa lo è: si toglie ad altri settori per finanziarne uno che riceve già 27 miliardi

Bombe prodotte in Sardegna da Rwm

Bombe prodotte in Sardegna da Rwm

Una fetta di Recovery Plan anche per il settore militare. Lo denuncia Rete Italiana Pace e Disarmo: se le proposte della società civile su come spendere i soldi in arrivo dall’Europa per far fronte alla crisi non sono state ascoltate, la politica italiana ha preferito sedersi al tavolo con le principali aziende militari italiane e immaginare di girare a loro fondi destinati alla ripresa del paese. «UNA PARTE DEI FONDI del Recovery Plan – si legge nel comunicato rilasciato ieri da Ripc – verrebbe destinata per rinnovare la capacità e i sistemi d’arma a disposizione dello strumento militare. Un tentativo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi